Quaranta sponsor di rilievo e tantissime superstars del poker mondiale: ecco il cast arruolato dai coniugi Shak, Dan e Beth, per l'annuale edizione dell'evento benefico di "All in for Kids". Si tratta, come molti di voi probabilmente sapranno, dell'associazione costituita dai due poker players e che da tempo è impegnata nella raccolta di fondi a favore di enti no profit. Quest'anno l'evento, presentato da Joel Friedman e "ravvivato" addirittura da Steve Martin, è riuscito a raccogliere ben 900,000 dollari. I fondi saranno destinati al Centro Diagnostico Specializzato dell'Ospedale Pediatrico di Philadelphia, alle prese con difficoltà finanziarie e soprattutto al momento impossibilitato ad estendere la propria rete assistenziale.

Grande protagonista dell'evento è stato Phil Hellmuth (e a dire il vero non si tratta della prima volta che "The Poker Brat" dimostra la sua sensibilità), che ha vestito i panni dell'ambasciatore di questa nobile causa. Del resto non si tratta certo di un caso isolato e gli esempi di Greenstein e dell'attivissima Jennifer Harman testimoniano la volontà dei poker players di agire concretamente nel sociale, così come allo stesso modo vanno evidenziati i meriti di iniziative simili tenute in Italia negli ultimi mesi e che hanno visto mobilitarsi grandi personaggi ed influenti poker rooms.