Questo tavolo finale del Grand Final di Montecarlo era cominciato con "un uomo solo al comando" , che aveva un distacco molto importante. Solitamente però nel poker chi comincia con un vantaggio simile in un Final Table si trova, molto spesso, di fronte a mille problemi che possono comportare anche un'eliminazione precoce. Ma questa volta il libanese Nikolas Chouity ha dato dimostrazione di essere a proprio agio e di non soffrire la pressione, portando a casa un premio da 1.700.000 €, la famigerata "picca" e un risultato importante per il Libano che, anche se può vantarsi di aver dato i natali ad un grande come Sam Farha, non può certo essere definita una nazione dove il poker sia molto sviluppato.

La giornata era iniziata male per la Francia, che pur avendo 3 esponenti seduti al tavolo, doveva salutarne subito due che venivano eliminati precocemente: Mesbah Guerfi (140.000 €) e Roger Hairabedian (200.000€). Dopo la situazione ha visto una lenta risalita dell'austriaco Josef Klinger che sembra l'unico che può provare a contrastare il dominio di Chouity.

Il sesto classificato è il bielorusso Aleh Plauski (300.000 €) eliminato dal solito libanese che consolida la sua prima posizione. Poco prima della pausa cena vengono eliminati nell'ordine: il canadese Andrew Chan (400.000 €) e l'ultimo francese rimasto in gara Herve Costa (500.000€).

Rimasti in tre, ci si mette poco a capire che l'heads-up finale vedrà protagonisti Chouity e Klinger: l'eliminazione del giovane lituano Dominykas Karmazinas (700.000 €).

La mano che mette il suggello su questo evento finale della stagione numero 6 dell'European Poker Tour è l'ennesima dimostrazione di forza di Chouity che andando all-in preflop gira [Af] [Aq] contro un [8f] [8q] per l'austriaco Klinger che non trova né un altro 8, né un'improbabile scala (in compenso si consola col milione di euro destinati al secondo classificato).

Dunque vince il Grand Final EPT di Montecarlo 2010 il libanese Nikolas Chouity.

Aggiungi un commento!