Continua ancora la lunga cronaca di questa stagione dell'European Poker Tour, cominciata a Kiev e proseguita fino a Deauville.

Copenhagen: dopo la tappa francese il circuito EPT si sposta nella fredda Danimarca. La tappa, svoltasi tra il 16 e il 21 Febbraio, diede la vittoria allo svedese Anton Wigg (493.000 €), ma per un pò di tempo illuse tutti i tifosi azzurri che un italiano potesse riuscire nell'impresa. Infatti Francesco De Vivo (305.000 €) si arrese solo all'heads-up finale.

Berlino: nemmeno 15 giorni di distanza tra la tappa danese e la nuova tappa, stavolta in Germania, Grand Hyatt di Berlino. Sicuramente il torneo, iniziato il 2 e finito il 7 Marzo, verrà ricordato di più per la rapina tentata e riuscita del commando di malviventi che si impossessò di buona parte dell'incasso del Casinò, salvo poi essere stati scoperti ed arrestati. Comunque, fu l'americano Kevin MacPhee a sbaragliare la concorrenza dei 945 players iscritti ed aggiudicarsi il premio da un milione di dollari; buona la prova anche di Alfonso Amendola e Luca Cainelli eliminati ad un passo dal Final Table (nono e undicesimo posto). Nell'High Roller del 7 Marzo si impose il tedesco Andreas Bauer.

Saalbach: è questa la cittadina austriaca scelta per la tappa Snowfest, che si svolse tra il 21 e il 26 Marzo all'Alpine Palace. Ad avere la meglio dei 546 iscritti fu il danese Allan Baekke che si aggiudicò la famigerata "picca" e il premio di 445.000 €. Il primo degli italiani è Luca Cainelli che bissa l'ottima prova della tappa di Berlino.

Sanremo: sicuramente la tappa simbolo di questa stagione. Non solo per il record di iscritti fatto registrare (1240), che poteva essere addirittura più elevato se non ci fosse stato l'inconveniente dell'eruzione dell'impronunciabile vulcano islandese. La grande prova, suggellata dalla vittoria finale, da parte della modella britanicca Liv Boeree è stata il simbolo della tappa italiana. La Boeree si è aggiudicata con merito il premio da 1.250.000 € battendo gli avversari al tavolo finale, tra cui anche due italiani: Giuseppe Diep (sesto) e Claudio Piceci (settimo).

Montecarlo: la tappa del principato di Monaco, iniziata il 25 Aprile e terminata ieri, ha visto la vittoria finale del libanese Nikolas Chouity che s'è aggiudicato 1.700.000 € travolgendo tutti gli avversari del tavolo finale. Per quanto riguarda gli italiani, anche se l'undicesimo posto di Salvatore Bonavena e le eliminazioni appena prima di Domenico Iannone ed Emanuele Rugini, possono essere considerati tutto sommato un buon risultato, a ben vedere forse si poteva aspirare anche a qualcosa in più.

Ormai con la vittoria di Chouity si è chiusa la stagione numero 6 dell'EPT; si riprenderà nel prossimo Agosto a Tallin in Estonia e sarà sicuramente un'altra stagione esaltante.