Tre giorni da dimenticare, passati fra titoli di giornali e dichiarazioni più o meno opportune degli amici di ieri e dei nemici di sempre. Poi una partita che sembrava stregata, con pali e traverse (e qualche errore di troppo…) che potevano distruggere in anticipo le ultime speranze del capitano giallorosso di riportare lo scudetto nella Capitale.

Poi, nel momento più difficile della sua stagione, il campione giallorosso trova due guzzi da autentico fuoriclasse: girata nell'angolino e trasformazione impeccabile dal dischetto per riportare la Roma a ridosso dell'Inter capolista.

Insomma, una giornata perfetta per Francesco Totti, cominciata con l'incredibile attestato di stima tributatogli dall'intero stadio, con striscioni e cartelli di sostegno che certamente avranno colpito nel segno. Già, perchè proprio quello del sostegno degli "amici" sembrava essere il cruccio più grande del Pupone, tra prese di distanza e commenti di biasimo anche da suoi stessi collaboratori.

Un sostegno che invece, come vi abbiamo raccontato in un post precedente, gli era arrivato da Party Poker, la poker room che da qualche mese lo ha coinvolto in una serie di spot pubblicitari di grande effetto. Già, perchè, come testimoniato dai dati sulla raccolta del mese di marzo (subito dopo l'annuncio della sponsorizzazione), la partnership con il capitano giallorosso si è rivelata estremamente fruttifera per la poker room, con un netto incremento degli utili ed un grande ritorno di immagine.

Tra l'altro Totti si è mostrato davvero interessato al gioco del Texas Hold'em,  così come rivelato dallo special per l'Abruzzo di qualche mese fa, nel quale ha duellato fianco a fianco con campioni del calibro di Dario Minieri e Luca Pagano, mettendo in mostra un gioco per niente banale e con spunti molto interessanti (per quanto forse eccessivamente loose…magari contagiato da Caterpillar).

Insomma, la scelta di Party Poker a sostegno del suo testimonial non poteva avvenire in un momento migliore e coincide con il sostegno di tanti appassionati nel difendere un'immagine che non può essere offuscata da un singolo "gesto inconsulto": quella di un calciatore di raro talento e da sempre sensibile alle cause nobili, come testimoniano i suoi numerosi gesti di solidarietà.