Una nuova interessante ricerca proveninete dalla Montreal's McGill University, si occupa con dovizia di particolari del mondo del poker. Stavolta, però, secondo i ricercatori canadesi, la fotografia scattata è ampiamente positiva, in quanto il gioco del poker contribuirebbe a facilitare l’abbassamento della pressione e, di conseguenza, diminuirebbe il livello di nervosismo, stress ed ansia dei soggetti.

In realtà si tratta di una ricerca altamente specializzata, fatta analizzando i livelli di cortisolo, ormone delle ghiandole surrenali responsabile dell'aumento del livello di stress e tensione nervosa, che ha dimostrato come nei professionisti del poker si riscontri un apprezzabile decremento del livello di tale "fattore – stress".

Probabilmente la spiegazione risiede nel fatto che la grande concentrazione necessaria ai poker players li induce a "dimenticare" il resto, focalizzando l'attenzione solo ed esclusivamente sulla gara. Insomma, pare proprio che giocare a poker faccia bene alla salute, sempre con la giusta moderazione, intendiamoci.