Un interessante articolo del sito pokervideo prova a fare chiarezza su quello che è probabilmente il mistero che più interessa gli appassionati di poker online. Parliamo delle ragioni che hanno spinto un grinder svedese a celare la propria identità dietro la maschera di Isildur1, personaggio tratto dalla saga tolkeniana e presente anche nel celeberrimo "Il Signore degli Anelli".

Citando fonti ben informate, dunque, si pensa che il motivo dirimente possa essere di natura "fiscale". Infatti, "il diritto tributario in Svezia afferma infatti che, nei giochi di fortuna, ogni scommessa è tassabile individualmente ad una interesse del 30%", quindi facendo rapidi calcoli, per il volume di gioco accumulato, Isildur1 dovrebbe corrispondere al fisco svedese una cifra da capogiro, addirittura superiore ai 170 milioni di dollari.

Chiaramente siamo ancora nel campo delle supposizioni, dal momento che sono talmente tanti i lati oscuri della vicenda e molte le incognite anche di una siffatta analisi (dalla vera nazionalità del giocatore, alle mani effettivamente giocate, al valore medio dei piatti nei quali è stato implicato), tuttavia la ricostruzione è tutt'altro che campata in aria e, davanti a tali cifre, si comprende bene la "volontà" di continuare ad indossare la maschera di Isildur1.

Aggiungi un commento!