L'immagine con la quale apriamo questo piccolo contributo sulla figura di Jonathan Duhamel è semplicemente stupenda. In effetti, il trionfatore del main event delle World Series Of Poker 2010, sembra proprio non aver nient'altro da chiedere alla vita, con un sostanzioso assegno in mano, la ribalta dei media internazionali, la stima dei colleghi che ne hanno riconosciuto le grandi qualità al tavolo verde e soprattutto l'affetto di tantissimi amici e parenti (ovviamente giunti dal Canada per assistere al suo trionfo).

Tuttavia proprio in questo momento il primo canadese ad imporsi in un main event si è sentito di ricordare i suoi momenti bui, con gli inizi di una carriera che sembrava non poter mai decollare, fino a vederlo addirittura "andare broke". Da lì la forza e la voglia di ricominciare a grindare regolarmente i tavoli di poker cash game, con le prime soddisfazioni e una rinnovata fiducia in se stesso. Un percorso culminato alle WSOP 2010, rassegna che lo ha visto costantemente impegnato, con piccoli piazzamenti che gli hanno dato grande coraggio e la spinta giusta per compiere il suo grande capolavoro; insomma, una storia come tante ma che ha avuto per protagonista un ragazzo che malgrado difficoltà e delusioni ha continuato a credere in se stesso senza mai arrendersi, fino a trionfare alle World Series e portarsi a casa 9 milioni di dollari.

Aggiungi un commento!