Ormai ogni volta che Phil Ivey decide di partecipare ad un torneo live ci si aspetta sempre la grande prestazione ed il risultato eclatante. Se poi si parla delle World Series of Poker, allora l'attesa per le "meraviglie" del fenomenale californiano è ancora maggiore. E anche stavolta Phil non ha deluso i suoi tantissimi tifosi, riuscendo a mettere a segno un paio di "colpi ad effetto" anche in una edizione che non lo ha visto particolarmente brillante.

Infatti, se nel tanto atteso main event (che lo scorso anno lo vide November Nine) Ivey non è riuscito a superare lo scoglio delle prime fasi di gioco, la soddisfazione maggiore viene da uno dei side events. Il numero 1 nella All Time Money List si è imposto nel $3,000 H.O.R.S.E. una delle discipline più tecniche e complesse, collezionando il suo ottavo braccialetto ed incassando oltre 300mila dollari. Una vittoria netta ed indiscutibile che, assieme alle numerose side bets (e quote varie) portate a casa dal Tiger Woods del poker, rende positivo il suo bilancio delle WSOP 2010.

Senza dimenticare che, subito dopo l'eliminazione dal main event, Phil ha trovato il modo di giungere terzo nel WPT Bellagio Cup, portando ad oltre 13,5 milioni di dollari i suoi guadagni in carriera.

Aggiungi un commento!