Come ormai certamente saprete, manca davvero pochissimo all'evento centrale nel panorama pokeristico mondiale: il final table del main event delle WSOP 2010. Una gara che regalerà il prestigioso braccialetto ed una prima moneta di circa 9 milioni di euro e alla quale, per la prima volta nella storia, prenderà parte anche un giocatore italiano. Ovviamente stiamo parlando di Filippo Candio, il rounder sardo tanto discusso ma protagonista di una gara incredibile, tra alti e bassi che hanno suscitato ammirazione e critiche da tutti i maggiori siti specializzati ed i forum di settore del mondo (in particolare la "folle" giocata su Joseph Cheong che vi abbiamo mostrato nella nostra sezione video – poker).

Assieme a Candio, otto giocatori di indubbio valore, con Michael "The Grinder" Mizrachi su tutti, un giocatore davvero straordinario che vincendo il main event potrebbe addirittura prendere il comando della All Time Money List. Tuttavia lo statunitense non è il solo dal quale il nostro portacolori dovrà guardarsi con grande attenzione, a cominciare da Joseph Cheong, uno dei players che negli ultimi mesi ci ha maggiormente impressionato per la sua costanza di rendimento e la determinazione con la quale ha affrontato tutti gli eventi cui ha preso parte, dall'EPT di Londra al Festa al Lago del Bellagio.  In questi ultimi mesi, molto bene si sono comportati anche John Dolan e soprattutto Matthew Jarvis che è riuscito a conquistare il titolo heads up del campionato canadese, nonchè un piazzamento alle WSOPE ed un prestigioso side al WPT Bellagio. Poco da segnalare invece dagli short stacks del final table, Nguyen e Senti, ma come sempre in questo bellissimo gioco nulla è mai detto con le sorprese sempre dietro l'angolo e la possibilità di capovolgere equilibri che sembrano consolidati.