Ormai sembra essere soltanto una questione di dettagli e pratiche legali, prima che possa completarsi una fusione che potrebbe rivoluzionare il mondo del gambling online. Infattici sono le conferme ufficiali di una imminente fusione fra Bwin e Party Poker, due veri e propri colossi del mercato del poker online (e non solo). L'idea, nata mesi fa, sembrava definitivamente tramontata di fronte alla complessità dell'operazione, con aziende ramificate che operano in un mercato ancora in fase di stabilizzazione, tuttavia il progetto ha subito nelle ultime settimane una vertiginosa accelerazione.

Al momento i due management stanno ancora limando i dettagli, ma pare che la nuova società abbia un valore di 1,76 miliardi di dollari e verrà divisa in quote azionarie con il 51,6% in favore di Bwin ed il resto in favore di Party Poker. Secondo il parere di un autorevole analista come Gianmarco Bonacina (raccolto da pokernews) "si tratta di una mossa al contempo difensiva ed offensiva, poichè laddove (Europa) le due aziende sono in flessione l'accordo in qualche modo protegge gliinvestimenti, mentre una società così grande è pronta ad andare all'assalto del mercato USA".

Secondo Jim Ryan, CEO di PartyGaming, invece “È una grande opportunità di crescita, insieme possiamo creare il più grande gruppo di giochi online al mondo. Le posizioni di vertice nel mercato dei giochi garantite dalle due società, daranno vita a una formula vincente per sfruttare la crescita del mercato”.

Ovviamente è presto per prevedere i possibili scenari relativi al mercato italiano, tuttavia appare chiara la volontà dei due gruppi di continuare ad investire anche nel nostro mercato, in potenziale crescita con l'arrivo del poker cash game.