Ancora una volta Phil Ivey si conferma uno dei più grandi giocatori di poker di tutti i tempi, probabilmente il più completo e versatile. Questa volta il fenomenale californiano in testa alla All Time Money List, si rende protagonista di una giocata ai limiti dell'assurdo, per giunta effettuata ai tavoli di cash game.

Infatti, nell'ultima puntata del popolare show High Stakes Poker (un format dedicato al Texas Hold'em nella modalità cash), Phil si è disimpegnato in una delle versioni più riuscite della sua tattica preferita, il bluff. Nella mano in questione erano impegnati insieme a lui altri due noti professionisti, Barry Greenstein e Lex Vehlduis (tra l'altro compagno della splendida Evelyn Ng), nella puntata nel tavolo al quale ha fatto una breve e sfortunata comparsa anche Dario Minieri.

Si parte con un raise di $5,000 da parte di Greenstein con QT, che Ivey subito rilancia con 52 (!!!) fino a $18,000, senza però aver fatto i conti con il sempre aggressivo Vehlduis che con KJ ne mette dentro ben $52,000. A questo punto, però, accade l'inimmaginabile: Ivey chiede il conteggio delle chips dell'olandese e, dopo essersi accertato che all'oppo ne restano circa 170mila, opta per un incredibile "I'm all in", che ovviamente induce al fold il suo avversario.

Insomma, una giocata folle (il piatto complessivo in caso di call di Lex sarebbe stato di circa 430mila dollari), ma che testimonia per l'ennesima volta l'eccezionalità del talento del formidabile Phil Ivey, il vero re del poker contemporaneo.

Aggiungi un commento!