I sit and go Double or Nothing rappresentano una variante interessante che, se affrontata con la giusta perizia tecnica, potrebbe risultare estremamente profittevole nel lungo periodo. Come ben saprete si tratta di tavoli che premiano la metà dei giocatori seduti e la partita finisce appunto al momento dello "scoppio della bolla". Cominciamo a vedere in che modo affrontarli ma, prima di scendere nei dettagli, per ora ci limiteremo a qualche considerazione di carattere generale di strategie poker. In particolare nelle prime fasi è opportuno

giocare in maniera estremamente solida
– selezionare con cura le nostre starting hands a seconda della posizione che occupiamo al tavolo e difendere con decisione una eventuale monster
– evitare call troppo loose e qualsiasi blind war (a bui bassi soltanto controproducente)

A livelli intermedi potremmo magari:
– operare qualche steal in posizione

– aumentare gradualmente il range delle starting hands giocabili

Nelle fasi conclusive invece proveremo a:
– evitare di chiamare raise consistenti in mani nelle quali non siamo committed (in una simile tipologia non occorre arrivare in testa e se troviamo giocatori particolarmente aggressivi si può ragionevolmente attendere sviluppi favorevoli).
–  rubare i bui con una certa frequenza, specie se in posizione e contro avversari tight o con un buono stack: difficilmente troveremo un oppo disposto a rischiare molto a fronte solo della “cessione” del proprio buio.

Vedremo in seguito il modo migliore per mettere in pratica questi consigli in una normale partita di Texas Hold'em

Aggiungi un commento!