E' la famosissima giocatrice nonchè opinionista, Victoria Coren a raccontare al sito The Observer una delle storie più tristi e scabrose degli ultimi anni. Si tratta dell'accusa di omicidio che pende sul capo di un ex poker player, Ron "Mad Yank" Fanelli, che addirittura sarebbe reo confesso di un crimine atroce e per molti versi inspiegabile.

Fanelli, che in passato aveva avuto grossi problemi di alcool e droga e che da tempo era caduto in rovina (addirittura riducendosi a fare il croupier per saldare vecchi debiti) secondo notizie praticamente certe ha appena confessato di aver ucciso, tagliato a pezzi e fatto sparire il corpo della prostituta tailandese Pianchai Wanphen. Un crimine orrendo che la stessa Coren, sua amica, non riesce a spiegarsi, raccontando alcuni aneddoti della carriera di Ron durante i quali pur "ammettendo di aver fatto piangere qualcuno", dichiarava ridendo "in fondo non sarei mai capace di far male davvero". Si chiude nel modo peggiore la parabola di un giocatore di buon livello, abile nel cash game ma forse incapace di condurre una vita equilibrata in un ambiente così stressante come quello pokeristico.

Aggiungi un commento!