Nella nostra speciale sezione proveremo ad analizzare i vari aspetti legati all'utilizo di sharkscope, uno dei siti più consultati ed apprezzati dai grinders online. Cominciamo dunque col dissipare i primi dubbi riguardanti una presunta violazione della privacy degli utenti da parte del "motore di ricerca". In effetti, sharkscope monitora ed immagazzina una serie di informazioni pubbliche (dal momento che l'esito di un torneo o di un sit è un'informazione pubblica), senza rivelare indicazioni personali o riservate.

Tutto quello che il sito si limita a fare è dunque "osservare" le centinaia di migliaia di partite di poker giocate su un gran numero di poker rooms online di tutto il mondo. Va poi sottolineato che il sito non risale direttamente dal nickname al proprietario dell'account, ovvero non cumula i bilanci degli utenti di varie poker room, limitandosi a catalogare voci distinte nelle diverse sezioni riguardanti la poker room. Chiaramente, anche se accede ad informazioni pubbliche, una simile attività investigativa potrebbe allo stesso modo infastidire un giocatore: in tal caso basterà una mail al servizio assistenza del sito per veder oscurati i propri dati. Insomma, un piccolo accorgimento per tenere lo squalo alla larga, che però potrebbe anche impedirci di accedere a statistiche che si riveleranno utilissime per migliorare il nostro gioco.

Aggiungi un commento!