Un bell'articolo sul sito di 4A The Poker Suite ci serve da spunto per parlare della gestione dei suited connectors, una delle starting hand più amata dai giocatori di poker online e molto apprezzata anche dagli specialisti del cash game.

Ovviamente si tratta di una mano dalle grandi potenzialità ma la cui gestione non è sempre facile e spesso può risultare estremamente rischiosa (specie per chi si ostinasse a giocarla fuori posizione). In particolare, come ben sottolineato nell'articolo, due sono i rischi principali nei quali possiamo incorrere se decidiamo di agire in maniera troppo avventata con tale starting hand.

Il primo aspetto riguarda il presunto "effetto sorpresa" del gioco con i Sc che renderebbe difficilmente leggibile il nostro punto: ormai, però, gran parte dei giocatori include i Sc nel range di mani con i quali fare azione, dunque non è così impossibile leggere correttamente un oppo in tale spot.

Il secondo discorso da affrontare riguarda le effettive potenzialità del punto rapportate all'investimento da fare in un piatto. Infatti, valutando con grande attenzione le percentuali di chiudere un punto al flop, si scopre che la situazione in cui con più probabilità potremmo sperare di trovarci è quella di un draw: dato questo da tenere in grande considerazione. Infatti potremmo perdere molte chips sia rincorrendo vanamente il nostro draw, sia qualora chiudessimo il progetto ma, ad esempio, ci trovassimo di fronte ad un punteggio più alto (non così improbabile nel caso di flush draw con Sc "medie").

Insomma, in definitiva e fatte salve alcune situazioni particolari, occorre comunque grande cautela nella gestione di tali starting hands, cercando di sfruttare eventuali vantaggi di posizione e adattando sempre il nostro gioco agli avversari che abbiamo di fronte.

Aggiungi un commento!