Come ogni manifestazione sportiva che si rispetti, anche le World Series Of Poker avranno le loro quote per provare ad indovinare chi sarà il nuovo campione del mondo di poker.

Si sa le quote non sono uguali per tutti i bookmakers e i siti di scommesse online, ma orientativamente i favoriti sono per tutti gli stessi. Il giocatore con maggiori chances di riuscita, sopratutto secondo Paddy Power, è l'americano Phil Ivey (dato 16:1) seguito a ruota da giocatori del calibro di Daniel Negreanu e Gus Hansen (con una quotazione vicina al 40:1).

Anche il campione del 2008 Peter Eastgate, il finnico Patrik Antonius e l'americano Phil Hellmuth tra i primi (quotati a 67:1) come il nostro Dario Minieri (primo fra gli italiani. Gli altri italiani, che hanno quotazioni "accettabili" sono Max Pescatori e Luca Pagano (a 80:1); Marco Traniello e Dario Ryu Alioto (bancati a 125:1).

A onor del vero sembra davvero difficile riuscire nell'impresa di puntare, ora come ora, sul giocatore che riuscirà a vincere il tavolo finale. Anche se Ivey è il giocatore più forte e che probabilmente ha un pizzico di speranza in più, rispetto agli altri, di finire il Main Event con il braccialetto al polso, la quota è davvero troppo bassa per poterla rischiare.

Ormai alla kermesse delle WSOP partecipano migliaia di persone e più passano gli anni, più il numero aumenta e più indovinare il vincitore diventa difficile, basta pensare che nelle ultime edizioni chi ha vinto non è mai stato tra i favoriti: ricordiamo su tutti le edizioni del 2003 (vincitore Chris Moneymaker un qualificato online grazie ad una serie di satelliti), del 2006 Jamie Gold (sconosciuto e mai più capace di una vittoria importante) e nella scorsa edizione Joe Cada (giovanissimo e ignoto giocatore che non ha poi dimostrato null'altro).

Forse per fare una scelta più ponderata, sarebbe meglio aspettare quantomeno la fine dei primi due giorni di qualificazione, dove verrà fatta una buona scrematura.

Mattia Sparagna

Aggiungi un commento!