La lunga attesa degli appassionati di poker è finalmente terminata e, dopo l'evento riservato ai soli impiegati del Rio Hotel and Casino (vinto da un dealer vietnamita), è cominciata in grande stile la 41esima edizione delle World Series of Poker.

Un avvio in grande stile, con il prestigioso Player's Championship (un mixed event che prevedeva ben 8 tipologie diverse di gioco Limit Hold’em, Omaha Hi – Low Split 8 or Better, Seven Card Razz, Seven Card Stud, Seven Card Stud Hi – Low Split 8 or Better, No Limit Hold’em, Pot Limit Omaha, 2 – 7 Triple Draw lowball), un evento da $50,000 di buy in che ha visto la partecipazione dei migliori giocatori al mondo, dalle leggende Doyle Brunson ed Erik Seidel, a Phil Ivey, Daniel Negreanu, Eli Elezra, fino ad arrivare ai "nostri" Dario Minieri e Dario Alioto. Un field di altissimo livello, dunque, per un montepremi invitante con 16 posti pagati e nel dettaglio 9 posizioni estremamente allettanti

1 1,559,046
2 93,375
3 603,348
4 436,865
5 341,429
6 272,275
7 221,105
8 182,463
9 152,739

Purtroppo i due rounders azzurri sono stati entrambi eliminati nel day 2 (così come Negreanu e Brunson), mentre nel momento in cui scriviamo in gioco sono rimasti soltanto 24 giocatori, con il talentuoso David Oppenheim a guidare il gruppo, quando i players stanno affrontando la modalità 2 – 7 Triple Draw. Fra i big ancora in gioco troviamo lo stesso Seidel, poi Alexander Kostritsyn, Andy Bloch, Michael Mizrachi e John Juanda, con la gara che oggi andrà avanti probabilmente fino alla costituzione del final table.

Aggiungi un commento!