Si è chiusa da poche ore una delle grandi gare di questa edizione delle World Series of Poker 2010, dopo un rinvio dovuto ad altri impegni in contemporanea di alcuni players. Stiamo ovviamente parlando del Tournament of Champions 2010, il mega freeroll da 1 milione di dollari di montepremi, riservato solo a 27 fra i players più vincenti e conosciuti del panorama internazionale.

Un field d'eccezione, dunque, con big del calibro di Phil Ivey, Daniel Negreanu, John Juanda, Doyle Brunson, Johnny Chan, Phil Hellmuth, per una gara di altissimo livello tecnico e certamente anche fra le più divertenti da seguire per gli appassionati, grazie alla verve e al carisma dei rounders in gara. In un crescendo di tensione e tra giocate di alto livello ed alcuni clamorosi errori di valutazione (come messo in evidenza da alcuni siti specializzati), si è così giunti alla battute conclusive che, dopo le clamorose eliminazioni dei leaders delle prime fasi, Mike Matusow ed Erik seidel, vedeva protagonisti, Joe Hachem, Daniel Negreanu, Barry Greenstein, Huck Seed, Johhny Chan ed Howard Lederer (il Padrino…).

Proprio gli ultimi tre saranno i grandi protagonisti della giornata, rimanendo a giocarsi il titolo ed il prmio di 500mila dollari. Alla fine, tuttavia, sarà proprio il più short, Huck Seed, ad aggiudicarsi la gara: grande solidità e una buona dose di fortuna saranno le sue armi in più, per un titolo di grandissimo prestigio.