Torna a far parlare di se Jamie Gold, il campione dell'edizione 2006 delle World Series of Poker ed ancora una volta non proprio per i suoi risultati al tavolo da gioco. Infatti, il completo forum di 2 + 2 riporta un episodio che sarebbe avvenuto nelle fasi centrali dell'evento numero 56 delle WSOP 2010 e che vede Gold al centro di una questione controversa.

Il pro statunitense subito dopo lo scoppio della bolla ha di fatto "regalato" le sue chips ad un player ignaro, muckando al buio le sue carte dopo aver chiamato il push del suo avversario. Pochi minuti prima infatti, aveva lasciato intendere di essere soddisfatto solo di aver raggiunto l'ITM (cosa che probabilmente gli era valsa una sostanziosa vincita di una prop bet), dichiarando di volersi al più presto recare al bar del Casinò. Poi la mano con una dinamica particolare: apre Gold di 5K e trova un call, su un flop KQ4 Jamie check calla il bet del bottone (oltretutto esclamando "nice hand", mah…), per poi chiamare ancora al turn ed infine il push dell'oppo (che lo copre) gettando direttamente le sue carte nel muck.

Un gesto quantomai inopportuno, certamente non rispettoso nei confronti degli altri players e soprattutto non adeguato all'importanza della gara: senza contare che la sua battuta "in fondo potevo anche avere la mano migliore", davvero non risulta per nulla simpatica. A dir la verità qualche utente aveva anche ipotizzato potesse trattarsi di "chip dumping", ma l'oppo è davvero sembrato ignaro e sorpreso del gesto di Gold da far cadere qualunque sospetto.