Continua la nostra analisi sul percorso di Filippo Candio nel main event delle World Series of Poker 2010 attraverso la visione dei filmati che in questi giorni sta mandando in onda l'emittente ESPN. Questa volta nella "collezione" dei Video Filippo Candio WSOP 2010, vi mostriamo una delle mani che più ha fatto parlare sui blog e sui forum specializzati. Siamo sempre nel day 3 e con buy 1,000 / 2,000 Filippo si ritrova in mano con 66 a raisare da middle position dopo un limp del player da UTG. L'azione passa al cut off che con AK opta per una 3bet fino a 15K e di seguito si arriva a Jason Mercier (sb), il quale con AK decide di 4bettare fino a 38,200, ricevendo l'istantaneo fold del limper.

A questo punto Candio, dopo aver sommariamente chiesto la dimensione dello stack del pro statunitense, pusha per oltre 200mila chips, trovando il fold del cut off. La palla passa così a Jason Mercier che si trova a dover prendere una decisione davvero molto difficile, dovendo considerare una serie di fattori e soprattutto non potendo far altro che assegnare una monster hand al sardo e dunque decidere di foldare la sua Kournikova.

Ovviamente sulla giocata si è discusso e probabilmente si continuerà a farlo, con buona parte degli analisti che ritiene che quella di Candio sia stata una giocata da "spewer", efficace ma estremamente rischiosa. Infatti una 5bet di queste dimensioni (che acquista un peso e valore particolare se fatta al main event delle WSOP) potrebbe certamente rappresentare una monster hand, ma corre anche il rischio di trovare uno dei suoi avversari "pienissimo". Certamente Candio ha giocato con grande coraggio e determinazione (alla fine della mano mostrerà anche un 6…), trovando però "in aiuto" un Jason Mercier con "bottom range", almeno relativamente alle mani con cui di solito 4betta in quella situazione. Va detto anche però che una simile giocata è in realtà in grado di "far foldare" praticamente ogni meno ad eccezione di AA, KK: insomma, una spewata ma fatta nel momento giusto e con grande intuito.
Pochi dubbi invece sulla legittimità della giocata di Mercier, che ancora una volta dimostra grande capacità di valutazione, evitando tra l'altro di giocarsi il torneo con un pari stack.

Aggiungi un commento!