Dopo tre lunghe giornate di gara ed una serie di emozionanti capovolgimenti, con grandi sorprese e tanta adrenalina, si è concluso anche l'evento 23 delle World Series of Poker 2010 che, come ormai ben saprete, sono anche quest'anno ospitate dal Rio Hotel and Casino di Las Vegas. Si trattava del $2,500 Limit Hold'em Six Handed, gara alla quale hanno preso parte ben 384 players, per un montepremi complessivo di 883mila dollari ed una prima moneta vicina ai 235mila dollari.

Splendida in particolare la rimonta con vittoria finale dello statunitense Dutch Boyd, che dunque conquista il suo secondo braccialetto alle WSOP e si consacra definitivamente come uno dei migliori giocatori al mondo, specialmente nei tavoli Short Handed (che nella sostanza premiano l'aggressività e la tecnica pokeristica). Nella mano decisiva, Boyd, che non riscuote particolari simpatie all'interno del circuito professionistico, pur partendo dietro, riesce a trovare una fortunosa scala e mette fine all'heads up contro Brian Menders, acciuffando un titolo quantomai meritato.

Molto bene anche il sorprendente russo Albert Minnullin, mentre una menzione speciale va fatta per JJ Liu, sempre competitiva e bubble – woman del final table. Ecco il payout finale

1 – Dutch Boyd $234K
2 – Brian Menders $145K
3 – Albert Minnullin $94K
4 – Julian Parmann $63K
5 – Domenico Denotaristefani $43K
6 – Al Barbieri $30K

Aggiungi un commento!