Come vi abbiamo raccontato ieri, è in pieno svolgimento il prestigioso Tournament of Champions, uno dei grandi eventi collegati alle World Series of Poker 2010. Così, mentre nella prima giornata la scena era stata occupata dal grande Erik Seidel, nelle fasi centrali della seconda giornata di gara, a salire alla ribalta è Mike Matusow. Il vulcanico Matusow, soprannominato "The Mouth" per la sua incredibile loquacità al tavolo da gioco (e non solo), guida infatti il chipconut parziale del day 2, quando in gioco sono rimasti solo 17 players.

Infatti, la giornata odierna ha visto alcune eliminazioni eccellenti, con giocatori del calibro di Doyle Brunson, Dan Harrington e Mike Sexton costretti ad abbandonare la gara e dire addio alla possibilità di portarsi a casa il prestigioso titolo ed il ricco primo premio da 500mila dollari. Alle spalle di Mike, dunque, si fa notare Huck Seed, tallonato però da ben 3 vincitori di main events alle WSOP: Johnny Chan, Scotty Nguyen e Joe Hache. Sempre in gara Phil Hellmuth e Daniel Negreanu, mentre nulla da fare per il vincitore del main event dello scorso anno Joe Cada, eliminato da Seed nelle prime fasi di gioco. Dunque in definitiva una grande occasione per Matusow, che potrebbe bissare il successo del 2005 nella prestigiosa competizione dei Campioni e rimpinguare il suo ricco bottino che lo vede a quota 7,3 milioni di dollari vinti in carriera.

Aggiungi un commento!