Come sempre le World Series of Poker regalano tantissime storie da raccontare e in giro per la rete si sprecano le classifiche e i resoconti sui momenti più belli, più divertenti e via discorrendo. Oggi però vogliamo parlarvi di una vicenda "curiosa" che ha per protagonista proprio uno dei November Nine, ossia uno dei giocatori che hanno conquistato l'ambito posto al tavolo finale del main event delle WSOP 2010.

Si tratta proprio di Michael Mizrachi, senza alcun dubbio il player più famoso e vincente dei nove, protagonista di un cambiamento di sponsor "in corso d'opera" durante la rassegna del Rio Hotel and Casino di Las Vegas. Infatti, mentre all'inizio della sua avventura, ossia con il $50,000 Players Championship (poi addirittura vinto), The Grinder indossava il logo di Deliverance Poker (come visibile anche dalla foto), nel main event portava in bella evidenza le toppe di Full Tilt Poker. La spiegazione di tale scelta è in realtà alquanto controversa, dal momento che la partnership con Deliverance Poker (condivisa tra l'altro con il fratello Robert) era apparsa fin dall'inizio piuttosto singolare.

In effetti si trattava di una nuova room che però ancora non era operante sul mercato statunitense e che per tale motivo non poteva nemmeno utilizzare il suffisso .net (che infatti non compariva sulla patch), ponendo tra l'altro non pochi problemi anche all'emittente ESPN, dal momento che non può essere pubblicizzata una room "irregolare". Tra l'altro la querelle può anche essere posta in questi termini: se il sito non può ancora operare negli Stati Uniti, perchè sponsorizzare Mizrachi sapendo di non poter usufruire di eventuali vantaggi?

Certamente la questione deve essere molto più complessa e, dando un'occhiata in profondità, si scopre che la piattaforma (che ha come motto un discutibile "don't get screwed on the river") ha sotto contratto anche gli altri fratelli Mizrachi. Tuttavia sul sito ufficiale sembra scomparsa ogni "forma di vita" e addirittura l'ultimo aggiornamento risale al final table del Players Championship: cosa paradossale se si pensa ai risultati ottenuti alle WSOP dai fratelli Mizrachi! Poi la scelta di "passare" a Full Tilt Poker per il main event (che può anche essere stata fatta in precedenza da Michael…) e che tra le altre cose solleva un'altro dubbio relativamente al fatto che per i final tables televisivi nessuna poker room potrebbe sponsorizzare più di tre giocatori (e Full Tilt invece…). Insomma, trattasi di vero giallo o di semplici meccanismi pubblicitari?

Aggiungi un commento!