Alla fine l'impresa non è riuscita al nostro Salvatore Bonavena che dunque deve rimandare il suo appuntamento con la conquista di un braccialetto alle World Series of Poker. Infatti, il forte player calabrese, neo sponsorizzato Pokerstars, ha chiuso al quarto posto la gara del $2,500 No Limit Hold'em, evento numero 56 delle WSOP 2010 del Rio Hotel and Casino di Las Vegas.

In realtà Salvatore aveva cominciato la giornata da chipleader assoluto, ma in un tavolo estremamente aggressivo e con giocatori di ottimo livello, aveva ben presto ceduto il comando a Tomer Berda. Da lì in poi una gara di grande attenzione e di estrema solidità lo aveva visto fra i grandi protagonisti, probabilmente fino ad uno sfortunatissimo piatto da circa 2 milioni di chips perso proprio contro Berda a causa di un beffardo asso al river. La mano che lo vede eliminato è un multiway pot dalla dinamica alquanto strana, peraltro con una giocata piuttosto discutibile da parte di uno dei players impegnati.

Infatti, ad aprire l'azione è lo short Mike Wattel, che manda i resti per circa 700mila chips, segue Bonavena che pusha a sua volta per circa 1 milione di chips, dunque l'azione passa a Bryan Porter che con JJ repusha isolandosi. La situazione vede dunque

Wattel [Ap][Jq]
Bonavena [8f][8c]
Porter [Jf][Jc]

Nessun aiuto dal board e due players eliminati, con Bonavena che chiude al quarto posto in virtù del maggior numero di chips di Wattel.

La gara proseguirà poi a ritmo serrato, ma ci vorranno comunque altre 4 ore per avere il nome del vincitore che risponde al nome di Tomer Berda, giocatore solido e razionale, che nell'heads up conclusivo avrà la meglio su Vladimir Kochelaevskiy, anche grazie all'aiuto della dea bendata. Infatti, nella mano decisiva Berda troverà una miracolosa Q al river a "scoppiare" il set del rivale che già pregustava il suo trionfo e la conquista del braccialetto e del ricco premio finale. Una nota di merito va riservata anche all'ottimo Alfonso Amendola, che chiude in nona posizione una gara iniziata da short e con poca fortuna nelle fasi iniziali della giornata.