Sono passati esattamente 4 anni dall'ultima volta che un braccialetto WSOP si è colorato di azzurro. Era il 29 giugno 2008 e un giovane Dario Minieri si imponeva nell'evento No-Limit Hold'em /Six Handed con buy-in di 2.500 dollari. Prima di lui ci erano riusciti Max Pescatori (per 2 volte), Dario Alioto (ma nella versione europea) e Valter Farina nell'ormai lontano 1995. Oggi, a loro, si è unito anche Rocco Palumbo. Una vera e propria impresa quella del pro player di Winga se si considera che l'evento numero 44 da 1.000$ di buy in è stato il torneo più popolato in queste World Series of Poker (escludendo, con buona pace dei vecchetti del tavolo verde, il meno importante evento "seniors" con 4.128 giocatori ai nastri di partenza). RoccoGe ha avuto la meglio su un field totale di 2.949 giocatori, portandosi a casa la bellezza di 464.464 dollari.

Palumbo ha avuto la meglio sullo statunitense Nelson Robinson all'heads-up.  Talento e un pizzico di inevitabile fortuna sono stati gli ingredienti "segreti" per arrivare fino alla fine del torneo. La terza giornata dell'evento 44 era cominciata con 16 players in gioco con Palumbo in 13esima posizione a quota 382.000 chip. La risalita dell'italiano è iniziata subito e dopo un paio di ore RoccoGe era già quinto in chips. Grazie all'eliminazione di Francisco Azares, David Forster e Niel Mittelman, lo stack dell'italiano è cresciuto sempre di più fino a fargli raggiungere la posizione di chipleader contrastato solo da Robinson. Al faccia-a-faccia finale Rocco non perde la calma  fino a quando i due si ritrovano all in con una Asso e un 9 di quadri per l'italiano e un Kappa e un 6 di picche per l’americano. L'Asso nel board sarà un ricordo indelebile per Rocco "RoccoGe" Palumbo che torna in Italia con un braccialetto che mancava davvero da troppo tempo.

Aggiungi un commento!