Continua il nostro viaggio in vista delle ormai imminenti WSOP 2010 che partiranno il 28 maggio con l'attesissimo Players Championship da 50,000 dollari di buy in. Eccoci dunque giunti al triennio '76 – '78, con la competizione che continua a crescere e ad acquisire maggiore centralità nel circuito internazionale.

1976

La settima edizione delle WSOP segna la consacrazione di una delle leggende viventi del poker e tutt'ora tra i migliori rounders in attività. E' il texano Doyle Brunson, infatti, ad imporsi sia nel main event che nel side da $5,000 deuce to Seven Draw, per un incasso complessivo di oltre 300mila dollari. nel main event la mano conclusiva vede Doyle trionfare con T2…

1977:

Nell'ottava edizione delle WSOP Doyle Brunson concede il bis, dominando il main event, intascando i 340mila dollari del primo premio e chiudendo l'heads up conclusivo con la mano T2 (che da allora porterà il suo nome). Ormai la rassegna conta già 13 eventi, fra cui si segnala il primo $ 100 Women's 7-Card Stud che vede la vittoria di Jackye McDaniels (e per la cronaca Bobby Baldwin conquista due braccialetti, mentre Doyle replica nel Deuce to Seven).

1978:

Dopo due braccialetti nei side events, finalmente arriva la consacrazione per Robert Baldwin, che si impone in un main event con 42 iscritti e porta a casa 210mila dollari. brunson si consola invece con il successo nel $5,000 Seven Card Stud, mentre Berland si impone in due side ed un successo arriva anche per lo scomparso "Cheep" Reese.

Aggiungi un commento!